venerdì 22 gennaio 2016

Recensioni in serie #1

Avevo già aperto un post con un titolo identico a questo, ma alla fine sarà una cosa diversa, più o meno.
Ultimamente sto leggendo molto e spesso non ho abbastanza tempo per fare una recensione esaustiva di ogni libro, ma faccio sempre delle mini-recensioni su goodreads. 
Ho pensato che, di tanto in tanto, farò un post come questo per condividere anche qui le recensioni brevi che faccio su goodreads, spero che possa piacervi come idea.

Primo approccio a Glenn Cooper e.. mi piace! 
Questo libro racconta di un esperimento scientifico andato male che fa andare direttamente all'Inferno una scienziata e al suo pseudo-ragazzo che la raggiunge per salvarla. Una storia vecchia come il mondo. E vecchi come il mondo sono anche gli altri personaggi: abbiamo Enrico VIII, Robespierre, Federico Barbarossa, Cesare Borgia... Un miscuglio di personaggi di epoche storiche diverse che danno vita ad un romanzo molto bello. 
Glenn Cooper si legge velocemente, ha uno stile che non ti lascia annoiare, che non è affatto pesante.
L'unica pecca? Il finale. E' uscito da poco il secondo volume di questa saga/duologia (?), che secondo me poteva essere terminato dopo questo volume, anche perchè è perfettamente autoconclusivo, se togliamo l'ultimo capitolo.


Talon è il primo libro di una saga che ha molto di cui parlare e di prepara perfettamente per il romanzo successivo.
Talon parla di draghi e abbiamo Ember, la protagonista, che è un drago, e suo fratello gemello Dante, anch'egli un drago, che dopo anni rinchiusi in un qualche posto a studiare ed allenarsi vengono portati nel mondo reale per scoprire il mondo degli umani, una specie di missione sotto copertura, per riuscire ad immedesimarsi il meglio possibile nel mondo che poi si troveranno ad affrontare.
Il mondo degli umani è più libero, ma hanno sempre delle regole a cui sottostare e se vengono infrante i due torneranno nel covo dei draghi. Alla fine dell'addestramento sul campo verrà detto loro che ruolo ricopriranno all'interno della società dei draghi, ma si sa, quando hai delle regole non puoi fare a meno di infrangerle. 
Garrett invece è un soldato di San Giorno, un'organizzazione che da la caccia ai draghi per ucciderli e la sua missione è trovare il cucciolo che è stato inserito nella società, stanarlo e ucciderlo.
Ma nè per Ember nè per Garrett la vita è facile, poiché i due si incontrano e si innamorano, nonostante non conoscano la missione l'una dell'altro.
La Kagawa è bravissima a scrivere storie fantasy e sa esattamente cosa vogliono i lettori, tanto che ho letto questo libro tutto d'un fiato.
Le ambientazioni, i personaggi (tutti, anche i più odiati), la storia in sè... Fantastica.
Non ho letto molte storie sui draghi, ma qui abbiamo una rappresentazione quasi reale, come quelli che ci immaginiamo da quando siamo piccoli: squame, colori, denti aguzzi, artigli affilati, lunga coda, corne sulla testa. 
L'unica parte dolente è l'inizio a mio parere, un po' noioso, ma è necessaria per ciò che poi la storia andrà a narrare.

Agatha Christie sa sempre come imbastire un bel giallo, ma questa volta mi sembrava un po' incasinata, o meglio, Hercule Poirot sembra un po' diverso dal solito, più confusionario nei modi di fare.
Abbiamo un delitto avvenuto qualche tempo prima, il colpevole è in prigione e il giorno in cui si deve avvicinare alla forca si avvicina. Il poliziotto che l'ha mandato in prigione però non è convinto e quindi interpella Hercule Poirot, che deve spostarsi dalla sua casa londinese in un paesino dove tutti sembrano sospetti e tutti hanno dei segreti.
La scrittura della Christie è come sempre perfetto, è un libro breve, con una scrittura coinvolgente che ti fa venire voglia di scoprire la verità prima che il celebre investigatore risolva il caso. Diventa quasi una gara di intelligenza fra noi e Poirot, o almeno, per me è così.
Sono davvero poche pagine, che si leggono in un paio d'ore e che ti coinvolgono molto bene, anche se, ripeto, c'è qualcosa di diverso dagli altri romanzi dell'autrice.

Ariadne Oliver, famosa scrittrice di gialli, si trova implicata in un duplice suicidio del passato prima ancora che se ne renda conto. I due morti sono i genitori di una sua figlioccia che non vede da anni, figlioccia che dovrebbe sposarsi, ma la futura suocera non sembra d'accordo: prima vuole sapere chi fra i genitori ha ucciso l'altro prima di suicidarsi.
La Oliver non vorrebbe immischiarsi, ma la curiosità è forte e se anche la sua figlioccia, Clelia, le chiede di scoprire la verità, cosa può fare se non chiedere aiuto al suo amico Hercule Poirot?
Saranno in due ad indagare sulla verità, analizzando le testimonianze dei vecchi elefanti che conoscevano le vittime, le persone che nonostante l'età sembrano non dimenticare niente.
Sarà stata la madre ad uccidere il padre e poi suicidarsi o viceversa?
Hercule Poirot, grazie alle testimonianze, e all'aiuto dell'amica Ariadne Oliver riuscirà a risolvere questo mistero rimasto insabbiato da anni.
Sinceramente questo non è uno dei migliori romanzi della Christie, nonostante il colpo di scena finale non manchi mai. Non dico che non sia un buon libro, ma che sicuramente se dovessi consigliare un romanzo di quest'autrice punterei su altro.
È un romanzo molto breve, che si legge in fretta (io ci ho messo 3 ore e mezza ad esempio), ottimo libro per passare una buona serata in compagnia di un mistero.


James Patterson ha uno stile inconfondibile, si saprebbe che è lui lontano un chilometro, nonostante questo libro sia stato scritto molti anni fa e stampato/ristampato in italiano solo adesso.
La storia non ha un senso logico, perchè si parla di adolescenti vergini incinte, una delle quali partorirebbe il demonio e l'altra il salvatore. 
Perchè l'ho comprato? Per Patterson e perchè queste storie assurde mi piacciono. Lo stile e il libro non sono noiosi, affatto, ma alla fine della storia non ti rimane niente. Sì, bel libro, ma leggerlo o meno non fa differenza.

2 commenti:

  1. Beata te che stai leggendo tanto!
    Comunque l'idea mi piace molto!

    RispondiElimina
  2. Dannati non l'ho ancora letto, però mi hai incuriosito. Visto che ti è piaciuto ti consiglio la biblioteca dei morti, ha una trama molto avvincente e misteriosa. L'ho divorato! Buone letture!!

    RispondiElimina

Ciao! Se ti va di lasciare un commento, mi farebbe molto piacere :)